Io resto al lavoro

Progetto “Io resto al lavoro”

Visto il momento di emergenza che molte persone stanno affrontando, in special modo riguardo il lavoro, la Caritas diocesana di Viterbo intende continuare a portare avanti alcune iniziative promosse per il contrasto alla povertà.

L’obiettivo è sostenere le micro-imprese, che hanno subito una contrazione economica a seguito dell’emergenza COVID-19, attraverso la concessione di un contributo economico finalizzato a favorire la continuità lavorativa dei propri dipendenti, evitando la perdita di posti di lavoro.

Per questo lancia il progetto “Io resto al lavoro,” finanziato da fondi CEI 8X1000.

Il contributo sarà erogato direttamente all’impresa a seguito della selezione con Avviso Pubblico e della sottoscrizione di una convenzione con la Diocesi.

Il progetto in numeri:

  • Fondo stanziato: 60 mila euro.
  • Importo a ciascuna impresa: 2500,00 euro.
  • Periodo: fino ad esaurimento fondi.

 

Beneficiari

Micro-Imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  • Sede operativa ubicata nel territorio della Diocesi di Viterbo.
  • Massimo 3 dipendenti.
  • Aver avuto una perdita di fatturato nei mesi di marzo e aprile 2020 pari ad almeno il 50% rispetto al fatturato registrato negli stessi mesi dell’anno 2019.

 

Modalità di adesione, documentazione e tempistica

AL MOMENTO LE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE SONO SOSPESE PER RAGGIUNGIMENTO DI ASSEGNAZIONE DEL FONDO A DISPOSIZIONE DEL PROGETTO.

Per chiarimenti ed informazioni è possibile chiamare il numero 320 2119686 o scrivere a progetti@caritasviterbo.it

 

Leggi anche su Il Messaggero di Viterbo  Tusciaweb   Tusciaup

Il Progetto “Io resto a casa”
è realizzato grazie ai Fondi CEI 8×1000

Top
Parla con noi